CookinLab – ‘O Vesuvio con zucchine, speck e zafferano

 

English translation at the bottom.

 

Ciao. Oggi vi presento un mio caro cavallo di battaglia.

4 persone:

– 320g di pasta ‘o Vesuvio;
– 300g di zucchine tagliate a striscioline;
– 150g di speck tagliato a striscioline;
– 1 porro;
– 25g di burro;
– 1/2 cucchiaino di zafferano;
– olio, sale, pepe nero, rosmarino, timo q. b.;
– preparazione: scaldate un filo d’olio e il burro in una padella e quando inizia a fumare mettete a rosolare lo  speck; siate pazienti e gestite la fiamma finchè non diventerà bello croccante (se vi spaventano gli schizzi d’olio e burro, coprite la padella con un coperchio o un foglio di alluminio); a questo punto prelevate lo speck e nello stesso olio e burro mettete il porro con un rametto di rosmarino, abbassate la fiamma e fatelo ammorbidire per bene, quindi aggiungete le zucchine, salate e pepate leggermente, condite con un po’ di paprika e del timo fresco e saltate a fiamma vivace per un paio di minuti; quindi continuate la cottura aggiungendo dell’acqua calda man mano che evapora, fino a raggiungere il grado di morbidezza delle zucchine desiderato; cuocete intanto la pasta in abbondante acqua salata, tenete da parte un bicchiere dell’acqua di cottura e mettetevi i pistilli di zafferano in infusione, quindi scolatela al dente e mettetela in padella con le zucchine; versate l’acqua con lo zafferano e terminate la cottura della pasta, mescolando continuamente e delicatamente, finchè non si sarà colorata uniformemente di un bel giallo vivace; terminate aggiungendo lo speck croccante, aggiustate di sale e pepe, impiattate con un rametto di rosmarino e uno di timo e servite ben caldo.

Questa volta mi sono lasciato tentare da questa pasta artigianale di Gragnano, il che ha solo portato ad un risultato migliore, ma qualunque tipo di pasta ve bene per questa ricetta facile, veloce e d’effetto, nonchè veramente gustosa. Divertitevi!

 

‘O Vesuvio pasta with zucchini, speck and saffron

Hello. Today I’m proposing one of my dearest and best recipes ever.

4 servings:

– 320g of ‘o Vesuvio pasta;
– 300g of zucchini cut into thin stripes;
– 150g of speck cut into thin stripes;
– 1 leek;
– 25g of butter;
– 1/2 teaspoon of saffron;
– extra-virgin olive oil, salt, black pepper, rosemary, thyme to taste;
– procedure: put some olive oil with the butter in a pan, and when it starts to smoke put the speck in; be patient and manage the heat until il will be nice and crunchy (if you’re afraid of hot stray drops, put a lid on the pan, or simply some tin foil); now take the speck out and in the same oil and butter put the leek in with a branch of rosemary over a low heat, then let it soften and add the zucchini, lighlty season with salt and pepper, a bit of smoked paprika and some fresh thyme, then sauté over a high heat for a couple of minutes; then let them cook over a moderate flame adding some hot water as it evaporates, till you reach the level of softness you like; meanwhile cook the pasta in abundant hot salted water, keep some of that cooking water in a glass and let the saffron pistils stand in it, then drain it al dente and put it in the pan with your zucchini; pour the water with the saffron in the pan and finish the cooking process stirring continuously and lightly, until all the pasta will have a nice and uniform vivid yellow colour; finish with the crunchy speck, tasting and eventually adding some salt and pepper and serve hot with a litlle branch of fresh rosemary and one of fresh thyme.

This time I’ve preferred to use this kind of traditional pasta made in Gragnano (near Naples), and this has just helped me reaching a better result, but every kind of pasta is good for this easy, quick and tasty recipe. For the ones of you who don’t know it yet, here’s a link to the speck. Have fun!

Informazioni su Luigi

Non sarebbe vero dire che per me la cucina è tutto, però è una bella fetta della mia vita. Fin da piccolo mostravo i primi segni di voglia di indipendenza ai fornelli, guadagnandomi a fatica un piccolo spazio in una famiglia in cui la cucina è preclusa ai bambini (o ragazzi) perché troppo pericolosa... ma io volevo almeno arrostire un paio di würstel, o friggere un uovo! Poi il boom, nel settembre 2005 quando, dovendomi trasferire per studiare all'università fuori dalla mia città, mi vidi costretto e finalmente libero di prepararmi da mangiare come e cosa volevo. A questo si aggiunse il capolavoro della PIXAR del 2007, ossia "Ratatouille", a spingermi a sperimentare e ad evolvermi... così iniziai a pubblicare le mie ricette su un blog. Voleva essere più che altro una raccolta, che stesse lì a ricordarmi quelle ricette prodotte dall'estro di un giorno particolare, dettate puramente dalla sola passione, e che altrimenti dimenticherei. In più l'amore per la fotografia e quindi la ricerca di foto sempre migliori non hanno fatto altro se non valorizzare questi piatti a livello visivo. Ora non nascondo che mi piacerebbe apprendere il più possibile e diventare davvero bravo e, perché no, che mi venga riconosciuto! /// It would be a lie if I say that cooking's everything for me, but it is a very big part of my life. Since when I was a little boy I showed the first signs of will to be indipendent at the stove, hardly earning a little space in a family which the kitchen is barred to kids (or young boys or girls) into because too dangerous... but I just would roast a couple of würstel, or fry an egg! Then the boom, in september 2005 when, having to move out from my city to study at the university, I was forced and finally free to cook however and whatever I liked. To this was added the PIXAR 2007 masterpiece, that is "Ratatouille", that pushed me to experiment and evolve... so I began to post my recipes on a blog. It was intended to be much more a kind of collection, that was there to remind me about those recipes made by a particular day inspiration, purely suggested from passion only, and that otherwise I'd forget. Moreover my love for photography and the pursuit of always better pictures did nothing else except for giving these dishes a higher value in a visual level. Now I cannot hide I'd like to learn as much as I can and become really skilful and, why not, I'd like it could be aknowledged!
Questa voce è stata pubblicata in main course, primo e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a CookinLab – ‘O Vesuvio con zucchine, speck e zafferano

  1. Samela ha detto:

    Cavallo di battaglia d’annata buona🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...