CookinLab – Fried chicken rolls with extra tasty cheddar cheese and asparagus

 

 

Ciao a tutti.
Ecco un intervento fresco fresco dall’Australia. Gli ingredienti, come qualunque cosa vogliate acquistare qui in Australia, sono tutti MADE IN AUSTRALIA. Tutto fatto in casa e tutto “genuino”. Le virgolette servono a far capire bene che nei supermercati si trovano tutte le schifezze che ci si può immaginare di trovare in qualsiasi parte del mondo, e la maggior parte sono di stampo americano. L’unica differenza è che tutti i prodotti sono fatti in Australia. Importazione pari a zero, e questo forse ci salva dalla febbre suina. In ogni caso, siamo qui per parlare di una ricetta preparata in quel di Sydney con l’aiuto non indifferente di Nicola, abile impanatore e friggitore. Giungiamo alla lista degli ingredienti. Sono scritti prima in inglese e poi in italiano in onore all’Australia (per quattro persone, anche se a mangiare siamo in due):

– 500g chicken breast fillet (filetti di petto di pollo);
– 100g asparagus (asparagi);
– 200g extra tasty cheddar cheese (formaggio cheddar super gustoso);
– 2 fresh free range eggs (uova fresche di galline allevate allo stato brado);
– 1,5l sunflower seeds oil (olio di semi di girasole);
– salt, bread crumbs, bamboo sticks (sale, pane grattugiato, stuzzicadenti di bambù) q. b.;
– preparazione: salate le uova e sbattetele per bene; versate del pane grattugiato in un piatto e preparate il petto di pollo, gli asparagi ed il formaggio (tagliate i filetti in fettine sottili e gli asparagi ed il formaggio a listarelle); per preparare un involtino, stendete una fetta di petto di pollo, mettete un paio di listarelle di asparagi e un po’ di formaggio ed arrotolate, fermando il lembo esterno della fetta di pollo con uno stuzzicandente, infilandolo in modo da farlo passare anche attraverso il ripieno dell’involtino; fate così per il resto delle fette di petto di pollo e poi impanate gli involtini passandoli nelle uova e poi nel pane grattugiato; impanate anche i pezzetti di pollo che non sono stati tagliati bene, fate delle palline con ciò che rimane di uova, pane grattugiato e formaggio e friggete il tutto.

 

Per quanto riguarda la frittura, prestate attenzione alla temperatura dell’olio: non deve essere troppo alta altrimenti l’impanatura si cuoce troppo velocemente e l’involtino non si cuoce all’interno. Un’altra postilla: se volete un’impanatura più croccante, prima di impanarli, ricoprite gli involtini con uno strato di farina 00. Inutile poi dire che potreste fare un bel contorno di patatine fritte e non pensare per niente alla dieta per una serata. Enjoy your time. See you. Cheers! E chi più ne ha, più ne metta.

P. S.: niente commenti sul piatto di metallo che fa un po’ da militare sfigato, grazie.

Informazioni su Luigi

Non sarebbe vero dire che per me la cucina è tutto, però è una bella fetta della mia vita. Fin da piccolo mostravo i primi segni di voglia di indipendenza ai fornelli, guadagnandomi a fatica un piccolo spazio in una famiglia in cui la cucina è preclusa ai bambini (o ragazzi) perché troppo pericolosa... ma io volevo almeno arrostire un paio di würstel, o friggere un uovo! Poi il boom, nel settembre 2005 quando, dovendomi trasferire per studiare all'università fuori dalla mia città, mi vidi costretto e finalmente libero di prepararmi da mangiare come e cosa volevo. A questo si aggiunse il capolavoro della PIXAR del 2007, ossia "Ratatouille", a spingermi a sperimentare e ad evolvermi... così iniziai a pubblicare le mie ricette su un blog. Voleva essere più che altro una raccolta, che stesse lì a ricordarmi quelle ricette prodotte dall'estro di un giorno particolare, dettate puramente dalla sola passione, e che altrimenti dimenticherei. In più l'amore per la fotografia e quindi la ricerca di foto sempre migliori non hanno fatto altro se non valorizzare questi piatti a livello visivo. Ora non nascondo che mi piacerebbe apprendere il più possibile e diventare davvero bravo e, perché no, che mi venga riconosciuto! /// It would be a lie if I say that cooking's everything for me, but it is a very big part of my life. Since when I was a little boy I showed the first signs of will to be indipendent at the stove, hardly earning a little space in a family which the kitchen is barred to kids (or young boys or girls) into because too dangerous... but I just would roast a couple of würstel, or fry an egg! Then the boom, in september 2005 when, having to move out from my city to study at the university, I was forced and finally free to cook however and whatever I liked. To this was added the PIXAR 2007 masterpiece, that is "Ratatouille", that pushed me to experiment and evolve... so I began to post my recipes on a blog. It was intended to be much more a kind of collection, that was there to remind me about those recipes made by a particular day inspiration, purely suggested from passion only, and that otherwise I'd forget. Moreover my love for photography and the pursuit of always better pictures did nothing else except for giving these dishes a higher value in a visual level. Now I cannot hide I'd like to learn as much as I can and become really skilful and, why not, I'd like it could be aknowledged!
Questa voce è stata pubblicata in main course, primo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a CookinLab – Fried chicken rolls with extra tasty cheddar cheese and asparagus

  1. Mariangela ha detto:

    bello il piatto…ovviamente devo fare il contrario di quello che dici!bravi bravi bravi sti figli!

  2. Sto piatto è proprio da militare sfigato! =P

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...