Apre CookinLab

 

 

Ciao a tutti. Sto dando ufficialmente inzio a CookinLab, rubrica a tema unico: CUCINA. Si parla di cucina vera, dell’arte che anima le manine di tutti coloro che si cimentano a sperimentare piatti nuovi per raggiungere sapori sempre diversi ed inesplorati. Metterò degli interventi, quando potrò (cioè quando l’università mi lascerà un attimo di respiro), riguardanti piatti preparati (o sperimentati) da me. Ovviamente, come già scritto nelle righe sotto ai miei interessi, gradirò qualsiasi tipo di commento o consiglio.

Per iniziare ho preparato un piatto che ha ben poco di inesplorato, semplice e a dir poco proteico: un’omelette con scamorza, con anima di salsiccia lucanica piccante. Gli ingredienti qui sono fondamentali, quindi particolari ringraziamenti vanno a: Roberto, from Benevento, che ha fornito le uova; Nicola, from Andria, che ha fornito la scamorza; mia madre, from Potenza, che ha pagato la fantastica salsiccia della mia macellaia di fiducia (from Abriola, paese in provincia di PZ sperso ai piedi di qualche montagna). Per quanto riguarda la preparazione penso che non ci sia nulla di particolare: ho sbattuto le uova (indicativamente un uovo a persona) nel modo classico, cioè con prezzemolo, sale, pecorino (o parmigiano o grana) grattugiato, pepe e noce moscata; ho versato il composto in una padella in cui avevo fatto riscaldare dell’olio e quando era quasi pronta la frittata, ho disposto salsiccia e scamorza e poi l’ho piegata. L’unica cosa a cui tenevo era che quest’omelette avesse un’anima, una specie di “osso”, e quindi la salsiccia era tagliata in due listelli abbastanza spessi e disposta in corrispondenza della piega dell’omelette.

 

Adesso so già che direte: “E questa è tutta la sperimentazione…!”. So benissimo di non aver fatto (ancora) nulla di particolare… ma ci tengo a precisare che se ci saranno tanti commenti, e tanta partecipazione da parte vostra, gli esperimenti verranno, e numerosi. Ciao a tutti, e al prossimo piatto.

Informazioni su Luigi

Non sarebbe vero dire che per me la cucina è tutto, però è una bella fetta della mia vita. Fin da piccolo mostravo i primi segni di voglia di indipendenza ai fornelli, guadagnandomi a fatica un piccolo spazio in una famiglia in cui la cucina è preclusa ai bambini (o ragazzi) perché troppo pericolosa... ma io volevo almeno arrostire un paio di würstel, o friggere un uovo! Poi il boom, nel settembre 2005 quando, dovendomi trasferire per studiare all'università fuori dalla mia città, mi vidi costretto e finalmente libero di prepararmi da mangiare come e cosa volevo. A questo si aggiunse il capolavoro della PIXAR del 2007, ossia "Ratatouille", a spingermi a sperimentare e ad evolvermi... così iniziai a pubblicare le mie ricette su un blog. Voleva essere più che altro una raccolta, che stesse lì a ricordarmi quelle ricette prodotte dall'estro di un giorno particolare, dettate puramente dalla sola passione, e che altrimenti dimenticherei. In più l'amore per la fotografia e quindi la ricerca di foto sempre migliori non hanno fatto altro se non valorizzare questi piatti a livello visivo. Ora non nascondo che mi piacerebbe apprendere il più possibile e diventare davvero bravo e, perché no, che mi venga riconosciuto! /// It would be a lie if I say that cooking's everything for me, but it is a very big part of my life. Since when I was a little boy I showed the first signs of will to be indipendent at the stove, hardly earning a little space in a family which the kitchen is barred to kids (or young boys or girls) into because too dangerous... but I just would roast a couple of würstel, or fry an egg! Then the boom, in september 2005 when, having to move out from my city to study at the university, I was forced and finally free to cook however and whatever I liked. To this was added the PIXAR 2007 masterpiece, that is "Ratatouille", that pushed me to experiment and evolve... so I began to post my recipes on a blog. It was intended to be much more a kind of collection, that was there to remind me about those recipes made by a particular day inspiration, purely suggested from passion only, and that otherwise I'd forget. Moreover my love for photography and the pursuit of always better pictures did nothing else except for giving these dishes a higher value in a visual level. Now I cannot hide I'd like to learn as much as I can and become really skilful and, why not, I'd like it could be aknowledged!
Questa voce è stata pubblicata in secondo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Apre CookinLab

  1. Daniele ha detto:

    Uaglio\’ mi piace proprio sta\’ cosa……io ad assaggiare poi sono bravissimo…..continua cosi\’ Ethan e……ricordati di tenere in serbo qualche prelibatezza per quando vieni a trovarmi nel 2008…..statt buon,SALUTI CAPITOLINI.

  2. natodaunsospiro ha detto:

    beh…direi che è proprio un ottima idea… l\’omelette ha fatto il proprio mestiere…e in anteprima vi assicuro che anche il tiramisù non è stato affatto da meno…anzi!!!
    grande Gian… al prossimo piatto!!!
    ps:mesaggio lasciato da un assaggiatore anonimo!!!

  3. Niccolo' ha detto:

    mmm…si può fare…intendo il cookingLab.
    mi raccomando gestisci tutto bene.buona fortuna!

  4. Daniele ha detto:

    Beh..è una gran bella idea questa del cookinlab!!e se dovessi assumere assaggiatore..conta pure su di me!!!!!

  5. Andrea Molinari ha detto:

    Grande gian….però c’è da migliorare una cosa: LA LOCATION….se stai li come faccio ad assaggiare? Forza a roma dai…! Ciao mitico!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...