CookinLab – Riso fragrante al vapore

 

English translation at the bottom.

 

Ciao a tutti. Oggi vi ripropongo una ricetta versatile a dir poco. La propone anche lo chef Ramsay in uno dei suoi libri (ed ammetto di aver preso da lui le spezie), ma la tecnica di cottura è di origine orientale, e già la adoperavo da anni. In ogni caso, ecco la ricetta.

4 persone:

- 400g di riso basmati;
– 600ml di acqua;
– 4 bacche di cardamomo;
– 2 stella di anice stellato;
– sale, pepe nero q. b.;
- preparazione: lavate bene il riso sotto acqua fredda corrente per eliminare l’amido in eccesso e mettetelo in una pentola; rompete delicatamente le bacche di cardamomo ed unitele al riso, e aggiungete le stelle di anice, sale grosso e pepe nero macinato; aggiungete l’acqua, coprite con un coperchio e portate a bollore quanto più velocemente possibile, dopodichè fate sobbollire per 10 minuti esatti; a questo punto spegnete il fuoco ma laciate il riso coperto per altri 10 minuti esatti, affinchè finisca di cuocere col vapore generato dalla stessa cottura; a questo punto scoprite, togliete anice e cardamomo e separate i chicchi con una forchetta; il vostro riso profumato è pronto, bello fragrante e soffice, ottimo da servire caldo o freddo in base alle preferenze ed all’uso cui è destinato.

Badate di non togliere mai il coperchio, perchè non c’è bisogno di mescolare il riso in nessuna fase della cottura.
Usate questo riso al posto del pane, o a fianco ad una bella porzione di salmone croccante, o con qualunque tipo di carne. Oppure saltatelo con delle verdure (con un po’ di sake da cucina e della salsa di soia), o anche conditelo ad insalata.
Ringrazio di nuovo Francesco Accetta per le foto.

 

Fragrant steamed rice

Hi everyone. Today I’m proposing a very nice recipe, easy to do and versatile to say the less. Chef Ramsay put it in a book of his (I have to admit that I stole from him the kind of spices to put into the rice), but the cooking technique comes from the East, and it’s now years that I’ve been using it. Anyways, here is the recipe.

4 servings:

- 400g of basmati rice;
– 600ml of water;
– 4 cardamom pods;
– 2 star anise;
– salt, black pepper to taste;
- procedure: wash the rice under running cold water to eliminate the excessive starch, then put it in a pot; gently crush the cardamom pods and put them with the rice, then add the star anise, rock salt and freshly ground black pepper; then add water, lid on and bring to boil as fast as possible, then let it simmer exactly 10 minutes; now take it off of the stove and let it rest, still with the lid on, for exactly 10 minutes more, so that it will finish cooking with the steam generated from the cooking process itself; then lid off, take star anise and cardamom out and separate the grains with a fork; your parfumed rice is ready, nice and fragrant and fluffy, very good to serve hot or cold, sccording to you preferences, or to the usage it’s been cooked for.

Pay attention to never take off the lid while the rice is cooking, because you won’t need to stir in any phase of the process.
Use this rice instead of bread, or next to a nice portion of crispy salmon, or with any kind of meat. Or sauté it with some vegetables (with a bit of sake and a drizzle of soy sauce), or use it for a fresh salad.
Take care, and have fun!

About these ads

Informazioni su Luigi

Non sarebbe vero dire che per me la cucina è tutto, però è una bella fetta della mia vita. Fin da piccolo mostravo i primi segni di voglia di indipendenza ai fornelli, guadagnandomi a fatica un piccolo spazio in una famiglia in cui la cucina è preclusa ai bambini (o ragazzi) perché troppo pericolosa... ma io volevo almeno arrostire un paio di würstel, o friggere un uovo! Poi il boom, nel settembre 2005 quando, dovendomi trasferire per studiare all'università fuori dalla mia città, mi vidi costretto e finalmente libero di prepararmi da mangiare come e cosa volevo. A questo si aggiunse il capolavoro della PIXAR del 2007, ossia "Ratatouille", a spingermi a sperimentare e ad evolvermi... così iniziai a pubblicare le mie ricette su un blog. Voleva essere più che altro una raccolta, che stesse lì a ricordarmi quelle ricette prodotte dall'estro di un giorno particolare, dettate puramente dalla sola passione, e che altrimenti dimenticherei. In più l'amore per la fotografia e quindi la ricerca di foto sempre migliori non hanno fatto altro se non valorizzare questi piatti a livello visivo. Ora non nascondo che mi piacerebbe apprendere il più possibile e diventare davvero bravo e, perché no, che mi venga riconosciuto! /// It would be a lie if I say that cooking's everything for me, but it is a very big part of my life. Since when I was a little boy I showed the first signs of will to be indipendent at the stove, hardly earning a little space in a family which the kitchen is barred to kids (or young boys or girls) into because too dangerous... but I just would roast a couple of würstel, or fry an egg! Then the boom, in september 2005 when, having to move out from my city to study at the university, I was forced and finally free to cook however and whatever I liked. To this was added the PIXAR 2007 masterpiece, that is "Ratatouille", that pushed me to experiment and evolve... so I began to post my recipes on a blog. It was intended to be much more a kind of collection, that was there to remind me about those recipes made by a particular day inspiration, purely suggested from passion only, and that otherwise I'd forget. Moreover my love for photography and the pursuit of always better pictures did nothing else except for giving these dishes a higher value in a visual level. Now I cannot hide I'd like to learn as much as I can and become really skilful and, why not, I'd like it could be aknowledged!
Questa voce è stata pubblicata in contorno, main course, primo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a CookinLab – Riso fragrante al vapore

  1. Pingback: CookinLab – Riso saltato con funghi e carciofi | CookinLab

  2. Howdy, i read your blog occasionally and i own a similar one and
    i was just curious if you get a lot of spam feedback? If so how
    do you protect against it, any plugin or anything you can suggest?
    I get so much lately it’s driving me crazy so any support is very much appreciated.

    • Luigi ha detto:

      I’m sorry but I don’t think I’ll be of any help, because I don’t get any spam feedback, so I’ve never thought about how to protect my blog.

  3. Hello, after reading this awesome paragraph i am as well cheerful to
    share my experience here with friends.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...